Noi siamo buoni e vogliamo regalare al signor Wong una cinquina: la può giocare dove vuole, al lotto o al superenalotto. Gliela diamo vincente garantita dappertutto.
Dappertutto fuorché nelle tabaccherie della zona fra San Paolo e il Macrolotto zero. E gli spieghiamo anche  perché. Da quelle parti, infatti, un nucleo interforze guidato dai Carabinieri ha fatto irruzione in un locale di 300 metri quadri dove ha trovato:

  • 16 dormitori
  • 30 posti letto
  • 63 macchinari dei quali
  • 18 senza adeguate protezioni contro gli infortuni sul lavoro determinando
  • 25 sequestri di attrezzature

Il numero jolly per il superenalotto è:

  • 4 bombole di GPL detenute illegalmente.

Sulla nazionalità degli imprenditori s’impone il silenzio, perché sennò verremmo tacciati di discriminazione per motivi di razza.
Ma se i numeri riconducibili ai cittadini stranieri immigrati hanno il pregio di poter esser giocati, altrettanto non può dirsi di quelli dell’impresa immobiliare, tutta pratese:

  • 650 i metri quadri totali affittati alle due imprese gestite da cittadini stranieri immigrati
  • 300 quelli destinati abusivamente ad uso residenziale.

Questi numeri non sono buoni per giocare, sono i numeri della vergogna.

Annunci