Archivio degli articoli con tag: demonizzazione avversario

533747_598978653451493_688253852_n Sopportare questa sinistra invereconda incapace di gestione interna però capacissima di attacchi gratuiti sul piano personale richiede ormai il massimo grado delle virtù teologali e cardinali. Anzi capacità soprannaturali, se uno ripensa a tutti gli scandali avvenuti nella nostra regione. E tuttavia ogni tanto c’è qualcuno che riesce nel miracolo supremo di parlare ancora con vecchia logica da prima repubblica, a mostrare che dopo tutto c’è anche molto di peggio: Viaggio nella Luna di Georges Méliès è uno scherzo al confronto.
Leggi il seguito di questo post »

gioco-di-logica-e-ragionamento-cervello-umano L’uomo è un’istituzione che ha contro di sé il tempo, la necessità, la fortuna e l’imbecille e sempre crescente supremazia del numero (Marguerite Yourcenar). Non è necessario spiegare questo aforisma, se qualcuno ha letto e magari dato importanza al recente sondaggio del Sole 24 ore. Chi usa correttamente la ragione dovrebbe sempre cercare di sottrarsi alla scorciatoia fredda e molto abusata dei numeri e delle cifre, prediligendo la completezza d’informazione e il sapere dialettico che coniughi forma e contenuto. Tra i molti effetti perversi e tossici di questo sudoku di sondaggi contemporanei c’è l’obbligo di mettere a confronto le vesti dei pagliacci e la grisaglia, i pubblicani e i farisei, costringendo ad una scelta: calarsi nell’arena dei numeri cardinali o rimanere equidistanti da certe tentazioni? Meglio sarebbe lasciare che sia la cittadinanza di Prato a giudicare cosa sia stato fatto realmente e cosa ci sia stato di veramente fallace nelle precedenti scelte amministrative dei tempi che furono. I veri pratesi, quelli “pratici” e scevri di ideologia politica da paese dei balocchi, non sono certo degli ingenui. Leggi il seguito di questo post »

La Stanza di Antonella
di Antonella Sarno.

 

A saperle leggere, le vicende di questi ultimi mesi appaiono come quegli inutili romanzi gialli nei quali fin dalle prime pagine risulta chiaro chi è l’assassino. Prevedibili anche nei colpi di scena, non hanno bisogno di ardue tessiture letterarie perché il delitto risulta comunque scontato, patetico e risibile, e non ti invita ad andare oltre. Una vera noia anche per gli amanti del genere.Detto ciò, non poteva succedere che un cambiamento di tale misura , avvenuto in un mondo oscuro fatto di regole datate e ferree, fosse indolore e magari passasse anche con l’onore delle armi. Tutti i regimi infatti hanno radici lontane, e per garantirsi longevità affondano le barbe in un comune limo, putrido ma ricco di nutrimento, capace di alimentare le collusioni , agevolare le situazioni, garantire la sopravvivenza anche nei casi più avversi. Nella attesa certa di albe migliori. Leggi il seguito di questo post »

A ben guardare le posizioni e le ideologie attuali delle forze politiche, economiche e sindacali sul nostro territorio pratese mostrano una variegata massa di nanerottoli dall’intelletto di basso livello e dalla scarsa lungimiranza. Ma più che bonari “Hobbit” di Tolkien sembrano “Lutin” di Émile Littré, un filologo francese, ovvero demonietti maliziosi e cattivi che tormentano gli uomini con tiri birboni e nonsense paradossali. Difatti in questi ultimi tempi abbiamo avuto ben tre eventi che hanno tenuto banco per il loro forte impatto sui cittadini e le istituzioni: l’addizionale IMU, il caso Consiag e l’annessione alla Città Metropolitana. Leggi il seguito di questo post »

Riceviamo e con piacere pubblichiamo

La sensazione che scaturisce dal leggere il titolo che ” Il Tirreno” dedica alla straordinaria giornata vissuta ieri al CSN (” Un tempo pitoni e canguri, ora tanti conigli nani”) è di comicità. Dovrei essere amareggiata, ma con mio enorme stupore non ci riesco: troppa la soddisfazione vissuta poche ore fa, e troppo prevedibile l’attacco dei soliti noti che con ogni mezzo tentano invano di sminuire il lavoro straordinario che ha coinvolto tantissime persone.

Perché parlare del nuovo riassetto del parco, perché parlare delle centinaia di visitatori che ieri hanno affollato il CSN come non si vedeva da anni? Perché parlare del nuovo percorso nel parco mai visto prima dai pratesi seppure appartenesse a loro? Perché parlare delle emozioni che oltre 500 persone hanno vissuto ascoltando la straordinaria rappresentazione di “Cavalleria Rusticana” a cura della Corale Verdi, altra eccellenza di Prato, e della magnifica orchestra ” Nuova Europa” con elementi di spicco nel panorama operistico nazionale, oltretutto in uno scenario naturale assolutamente unico? Perché parlare poi del nuovo progetto presentato che rilancerebbe il centro e la città intera in un’ottica di sviluppo sostenibile che punta sulla valorizzazione dei parchi cittadini…. già, perché??!!! Leggi il seguito di questo post »

L’onestà della bandiera

di Antonella Sarno

 

All’avvicinarsi della scadenza del 25 Aprile, come ogni anno mi tornano in mente tante cose.

Viene spontaneo rimettere accanto alle consuete celebrazioni i racconti dei vecchi e i tanti particolari difficili da dimenticare. Ancor più naturale il confronto con quello che è stato vissuto dopo, e con ciò che ancora stiamo vivendo.

La posizione che Prato ha avuto nell’ultima guerra ha causato un vero trauma sociale. E’ rimasto scolpito negli animi fino a diventare uno stato mentale, e poi è passato nel genoma come il solo modo di fare politica. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: